Viale Po, 86/88 - 44122 Ferrara
info@pcmchimica.com
0532 1860080/1860694
Home / FAQ

FAQ

Frequently asked questions

Il carbone vegetale che proponete è idoneo alla creazione di farine per pane, pasta o pizza?

Il nostro carbone è certificato FCC (Food Chemical), il che significa possa essere utilizzato per lavorazioni a fini alimentari.

Come si utilizza il suo acido glicolico al 70% ?

Con il viso ben pulito ed asciutto, passate il prodotto sulle parti interessate utilizzando un panno o del cotone. Lasciate in giacenza per meno di un minuto, dopodichè sciacquate con acqua e bicarbonato.

Una volta asciugato delicatamente, mettere una crema idratante o dell'olio di argan.

Non è consigliabile ripetere il processo prima di 20/25 giorni dall'ultima applicazione.

Dove posso trovare il catalogo dei suoi prodotti?

Cliccando sul link EBAY potrete accedere al negozio P.C.M., in cui troverete centinaia di articoli divisi per settore. Se però non doveste trovare ciò che vi interessa, mandatemi una mail per verificare disponibilità su ordinazione di un qualunque prodotto.

Ma a cosa serve la bava di lumaca?

Idro-restitutiva: assicura un effeto idratante di lunga durata e migliora l’elasticità cutanea grazie all’allantoina e all’acido  glicolico.

Cicatrizzante: stimola i processi rigenerativi, contrasta la formazione delle cicatrici e dell’iperpigmentazione; leviga e accelera il rinnovamento dei tessuti danneggiati, utile per schiarire macchie, oppure in caso di peli incarniti, per migliorare lesioni di vecchia data.

Lenitiva: allevia gli arrossamenti dovuti al sole o al freddo eccessivo, difende la pelle dall’inquinamento ambientale attraverso l’azione antiossidante e contrasta il foto-invecchiamento.

Antirughe: stimola la ristrutturazione cellulare del derma grazie all’'acido glicolico combinato con collagene, elastina, vitamine e mucopolisaccaridi. 

Anti-smagliature: azione esfoliante dell' acido glicolico e rigenerante di proteine e vitamina A ed E; utile anche in gravidanza.

Efficacia sui segni dell'acne e sulle macchie: contrasta lo sviluppo di eruzioni cutanee; forte potere esfoliante, levigante, purificante e anti-untuosità dell'acido glicolico.

Fate anche spedizioni?

Serviamo tutta Italia e comunità europea avvalendoci di diversi corrieri espressi.

Perchè il magnesio supremo è migliore degli altri integratori di magnesio?

Diversamente da altre lavorazioni quali la clorata o la solfata, quella citrata garantisce una maggiore digeribilità e nessun effetto collaterale.

Quant'è il Ph del vostro glicolico 70% ?

Il Ph è 0,5.

Estratti vegetali: quanti tipi ce ne sono? Che differenze hanno?

Le tipologie di estrazioni possibili sono principalmente 6:
1) Estratto fluido. La pianta viene essiccata e messa a macerare in soluzione alcolica. Grazie all'alcool è possibile estrarre la quasi totalità del fitocomplesso, mantenendo di fatto le proprietà della pianta intatte.
2) Estratto secco. Partendo dall'estratto fluido la lavorazione consiste in una doppia possibilità: la prima è la nebulizzazione, ovvero la riduzione in polvere del fitocomplesso, seguita poi dalla titolazione del principio attivo che andrà ad assestare la percentuale di quest'ultimo nell'estratto.
La seconda possibilità, molto più rara e di conseguenza costosa, è la criofrantumazione. Come dice il nome stesso è una lavorazione effettuata a temperature bassissime che consente di mantenere intatti i principi attivi termolabili.
3) Estratto glicolico. A differenza dei primi due, viene effettuato direttamente dalla pianta fresca attraverso l'utilizzo di glicole propilenico, un eccellente prodotto estrattivo che ha anche il compito di veicolare le sostanze nella nostra pelle.
4) Estratto glicerico. Si pongono a macerare le parti interessanti della pianta in una soluzione così composta: 50% di acqua e alcool e 50% di glicerina. Il liquido  ottenuto dopo la macerazione verrà poi diluito secondo la proporzione 9 parti del mix acqua-alcool-glicerina e 1 parte estratto.
5) Tintura madre. La pianta viene messa in un mix di alcool e acqua, che nell'insieme ha una percentuale di circa il 70%, E' quindi diretta conseguenza che la percentuale di principio attivo sarà molto bassa. P.C.M al momento non tratta questo tipo di prodotto.
6) Olio essenziale. Si ottiene dalla spremitura di piante fresche o essiccate. La variabile che ne stabilisce la qualità (e quindi il prezzo) è la qualità della distillazione, oltre al grado di purezza.
P.C.M tratta solo articoli provvisti della massima purezza, ed è sempre a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti.

Informativa estesa sull'uso dei cookies